lunedì 24 marzo 2014

Ludovico Ariosto: "Garfagnini gente incolta..."

Ludovico Ariosto
Checché se ne dica, nonostante che la nostra Garfagnana annoveri fra i suoi illustri antichi residenti Ludovico Ariosto e benchè la nostra valle gli renda gli onori del caso dell'illustrissimo poeta possiamo dire tranquillamente che lui onore ai nostri luoghi non gliela mai dato...Nei suoi quattro anni garfagnini (1522-1525) di commissario estense si contano solo sei uscite fuori dalla Rocca di Castelnuovo e tutte per questioni di ufficio,lasciando traccia poi del suo malcontento in alcuni componimenti dette Satire difatti definisce i garfagnini: "gente inculta, simile al luogo ove ella è nata e avezza" e nella IV Satira dice sempre del suo soggiorno in terra garfagnina:”Ognuno dica quel che vuole, e pensi quel che gli pare: insomma ti confesso che qui ho perduto l'allegria, il divertimento e la felicità...” Però nonostante tutto una lancia a suo favore andrebbe spezzata.Pare(anzi è certo) che il duca Alfonso D'Este lo inviò per forza nelle nostre terre(regione al tempo turbolenta, abitata da una popolazione fiera poco abituata al comando ed infestata di banditi in cui l'ordine doveva essere al quanto prima ripristinato) ma causa principale del suo malessere fu il dover abbandonare in terra ferrarese tale Alessandra Benucci amore segreto con la quale si sposerà dopo molti anni... e sapete com'è il duca può comandare...ma al cuor invece no !