giovedì 15 maggio 2014

Il Buffardello folletto garfagnino.Storia e origini

                              Un movimento improvviso
un ipotetico Buffardello
un frusciare di foglie, un rametto che si spezza...Era così,il ripetersi casuale di certe situazioni,l'avverarsi di un sogno,avvenimenti particolari che non era possibile riportare in uno schema logico hanno contribuito nei secoli passati alla nascita di superstizioni particolari legate ad esseri fantastici,burloni e dispettosi. Anche la Garfagnana ha il suo essere fantastico: è il buffardello presente in maniera forte nella nostra tradizione popolare e in tanti racconti che venivano narrati "a veglio" accanto al focolare.Ma chi era il buffardello?, cosa dicono le tradizioni?Guardiamo un po'.Il buffardello generalmente era indicato come un'ometto di una settantina di centimetri con la barba lunga e appuntita,simpatiche scarpe aguzze ed un vestito rosso scarlatto,coloro che lo hanno... visto lo descrivono non brutto di faccia,non mancherebbe affatto di una certa eleganza.Ben più sinistra invece è la sua origine il "Grillorosso"(n.d.r:al secolo Alfezio Giannotti studioso autodidatta di Eglio)
La caduta di Lucifero
 negli inferi (Gustavo Dorè)
in un articolo del 1928 su "La Garfagnana" dice che secondo tradizione il buffardello avrebbe partecipato più di un milione di anni fa insieme a Lucifero ed Arael e mille altri alla detronizzazione di Dio.Dopo tre giorni di strenue battaglie ebbe le mani forate da un fulmine e una pedata fortissima ricevuta nel dietro lo fece ruzzolare dalle soglie celesti e giunse così sulla terra.Lucifero ed Arael furono relegati negli inferi,mentre egli magro e piccolino rimase nascosto e sconosciuto sulla terra a rompere gli occhiali ai preti,a far dispetti alle zitelle e marachelle varie ai contadini.In alcuni casi si presenta con un turbinio di foglie di notevole forza capace di scompigliare fieno foglie è bene avvisare inoltre che ama la notte è infatti nelle ore più buie e silenziose che mette in pratica tutte le sue diavolerie.Fra le vittime preferite vi erano i poveri preti,si racconta che in alcuni casi si accaniva ad esempio sull'aspersorio (lo strumento che il prete usa per benedire) spelacchiandolo tutto lasciando il manico d'ottone tondo e pelato.Un parroco raccontava di quando se lo trovò durante la notte che gli girava intorno al letto cantandogli la messa da morto.Mai però era dannoso nel vero senso della parola,era a ogni buon conto esasperante fino all'inverosimile.Lo sapeva bene quel contadino che trovava nella sua stalla le code delle mucche e i crini dei cavalli intrecciati e ancor meglio quei poveri marito e moglie che possedevano solo due vacche le quali una ingrassava a vista d'occhio,mentre l'altra deperiva quasi fino alla morte,ebbene si scoprì che il buffardello la notte toglieva il fieno dalla mangiatoia della vacca magra per darlo a quella grassa o che dire sennò delle case trovate a soqquadro con la mobilia sottosopra e i quadri cambiati di posto,le canoniche poi erano il suo divertimento.Anzi direi di leggere direttamente da chi lo ha "visto"questa testimonianza (del secolo scorso) "...Non v'era dispetto che il maledetto tentasse ai miei danni.Mi spargeva il sale fra le lenzuola,mi nascondeva la fiaschetta della polvere da caccia.Una volta tentò di farmi ruzzolare
Bacche di ginepro
antidoto per il Buffardello
in cantina smuovendo le assi del pavimento e poi la notte non mi fa dormire nemmeno un'ora, lo sento aggrapparsi alle coperte, palpeggiarmi tutto,un senso di oppressione infinita che mi toglie forze e respiro..."
.Infine per chi lo dovesse vedere o sentire questi sono gli antidoti: mettere fuori dalla porta un ramoscello di ginepro,il folletto impegnato a contare le bacche si dimenticherà della persona da molestare,in alternativa si deve preparare una camicia bianca ai piedi del letto con le maniche disposte a croce,infastidito dalla riproduzione cristiana scapperà a gambe levate...