venerdì 8 agosto 2014

La struggente lettera di un emigrante garfagnino nel giorno di Natale ai propri genitori...Emozionante!

Uno dei meravigliosi paesi
della Garfagnana. Orzaglia
La vita in terra straniera per i nostri emigranti era tutt'altro che semplice. Alle numerose difficoltà lavorative,agli enormi problemi linguistici, al raggiungimento di una dignità sociale, si aggiungeva una profonda nostalgia mista a malinconia per aver lasciato l'amata terra di Garfagnana e i propri cari genitori, figli, mogli, sorelle...Più eloquente in questo senso di questa struggente lettera in dialetto di Michelle Pennacchi (meglio conosciuto come il "Togno della Nena") ai suoi genitori non vi è prova.Leggete ed emozionatevi:
"Cara mamma,carissimo papà,                     vi scrivo per le feste del Natale.Quaggiù non andrebbe tanto male, ciò il lavoro e comincio a guadagnà. En bravi j' assistenti e j ingegneri, che trattin come fussimo fioli e anco fora nun ci sentiam soli e nun pare d'esse in mezzo a j stragneri.La gente en bone e sirei sudisfatto se la notte un sognassi certe cose, che nun so se sian sprocchi o siino rose ma che se durin dovento matto. Io vedo il paese, il Pisanin, il mi' fiume, voialtri,la mi Tina cume mi salutò quella matina quand'e partitti per il mi destin. Sogno Argegna, Curfin, la Capriola,le mi
vecchie lettere
vacche che mangin in del prato, il ciocco che si sconsuma nel metato e tutto è bello come in d'una fola. E 'gni mattina ciò la smania addosso, perche 'sta mostra d'una Garfagnana è cusì bella anco s'ede luntana, che mi sforzo a scurdalla, ma nun posso.Crediate nun so proprio che fa! Vorei durmi tant'ore per sognammi, ma nun vorrei durmi per non svejammi e capì ch'era un sogno e tribbolà. E allora ormai ho deciso vengo via! Appena ciò i quattrini me n'antorno, ch'ede mejo mangia una volta al giorno, ma mangià al tavulin di casa mia. Vo' papà son siguro che mi capirete, che contavite sempre che alla guerra, più che altro pensavite alla tera, a me e alla mamma. Mi perdonerete se un ce la faccio a restà più qui solo e piange come se fossi torno cicco. Tanti auguri, vi abbraccio stricco, stricco
 
Voscio affezionatissimo fiolo"